NEWS





Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla nostra mailinglist per essere sempre informato sulle ultime novità



Manifestazione del consenso trattamento dati – Privacy - (D.Lgs. 196/2003 e GDPR 679/2016). Ho letto la vostra informativa sulla privacy. Ho compreso le finalità e le basi giuridiche per cui è necessario il trattamento e legittimo anche senza il consenso dei soli dati indicati come obbligatori. In riferimento al trattamento dei miei dati personali, per cui si richiede il consenso come esplicitato nelle modalità e finalità indicate:

Per il Punto 2.B.2: Marketing e/o commerciali (è obbligatorio per continuare apportare una scelta)

Acconsento
Non Acconsento

17-06-2017 - APOLLO 4 - Il drone salvavita a Caorle


E’ atterrato sulla spiaggia di Levante di Caorle ma non proviene dallo spazio. Il suo nome è “APOLLO 4”, evoca epiche missioni spaziali però la denominazione si riferisce alla divinità greca del sole e delle arti mediche. Un connubio perfetto per il primo progetto sperimentale in Italia, e probabilmente in Europa, a impiegare un drone in ambito medico sanitario per salvare la vita ai turisti. E in futuro, superata la sperimentazione, potrà essere impiegato in zone difficilmente raggiungibili dai mezzi di soccorso.

La presentazione del progetto è avvenuta stamane sulla spiaggia di Levante a Caorle, alla presenza del presidente della Regione del Veneto, del direttore generale dell’Azienda Ulss4 e di autorità civili e militari.

Nell’area “White Oasis”, in collaborazione con Caorlespiaggia è stata allestita la base di stazionamento e di decollo del velivolo da inviare nel luogo dell’emergenza su richiesta dei bagnini di salvataggio, i primi a soccorrere le persone sull’arenile. La stessa società partecipata fornirà il supporto durante tutto il giorno per l’utilizzo del drone, sia nel pilotaggio (con personale formato e certificato) e sia nell’utilizzo del defibrillatore mediante, appunto, il proprio personale addetto al servizio di salvataggio.

La fase di sperimentazione avverrà nel 2017 per essere a regime, sempre con autorizzazione ENAC, nel 2018. A regime, il drone coprirà un tratto di arenile di circa 2 km e potrà atterrare al fianco delle torrette di salvataggio dove verranno allestite apposite piazzole contraddistinte dal logo internazionale dell’emergenza.

Realizzato in struttura di carbonio, provvisto di scatola nera e di telecamera HD, “APOLLO 4, il drone salvavita” utilizza 4 motori potenziati per acconsentire il trasporto di un defibrillatore a una velocità di circa 45 km/h (limitata da software); è autoalimentato da batterie ricaricabili e fornito di un sistema di guida GPS a tripla ridondanza, può volare sino a 2000 metri d’altezza massima dal suolo e in condizioni di vento sino a 30km/h. La missione viene gestita attraverso l’utilizzo di un telecomando remoto con integrato a un tablet che garantisce in tempo reale la visualizzazione del volo ripreso dalla telecamera del drone.

drone apollo4